GLOSSARIO
Scopri il significato di parole nuove!

 

A

  • ALLOCTONO non originario del luogo in cui vive.
  • AREALE area di distribuzione geografica di una determinata specie botanica o zoologica.
  • ARRICCHIMENTO AMBIENTALE consiste nel fornire agli animali un ambiente, non solo idoneo in termini di spazio ed esigenze primarie come cibo ed acqua, ma anche ricco di stimoli e di opportunità di esprimere comportamenti naturali e sviluppare le proprie abilità cognitive.
  • ARTIODATTILO mammifero munito di zoccoli (ungulato) con un numero pari di dita su tutti i piedi, come i Bovidi, i Camelidi e i Cervidi.
  • AUTOCTONO nato nel luogo in cui vive.

 

B

  • BENESSERE ANIMALE inteso in senso molto ampio e complesso che considera l’animale a 360 gradi e dà la stessa importanza sia al benessere fisico (la salute) che al benessere psicologico dell’animale. Per valutare il benessere degli animali dello zoo, oltre a sottoporli a regolari visite veterinarie, si analizzano i loro comportamenti e ci si assicura che vengano garantite le loro esigenze biologiche, ecologiche ed etologiche. 
  • BIODEGRADABILE significa che il materiale in questione ha la capacità di decomporsi, grazie ai batteri, alla luce solare e ad altri agenti fisici naturali, in composti più semplici non inquinanti per il suo 90% nel tempo massimo di 6 mesi.
  • BIODIVERSITÀ o diversità biologica è un neologismo ed una parola composta da bio e diversità. È la manifestazione della diversità della natura. Una definizione largamente condivisa è che la diversità biologica è una misura della diversità relativa fra organismi presenti in ecosistemi diversi, la ricchezza in specie animali e vegetali che vivono in un determinato ambiente. Più è alto il numero di specie e minore è il numero degli individui di ciascuna specie, più elevato è l’indice di biodiversità.
  • BIOMA è l'insieme di animali e vegetali che vivono in un determinato luogo o ambiente geografico, raggiungendo un elevato grado di adattamento all'ambiente naturale che li ospita con particolare riferimento alla flora ed al clima. Si distinguono biomi terrestri e biomi dell'idrosfera.
    I principali biomi terrestri sono: la taiga, la foresta temperata, la prateria, la tundra, il deserto, la savana tropicale, la foresta equatoriale.
    Quelli dell'idrosfera sono: il bentonico (o del fondo, litoraneo o profondo), quello dei banchi di corallo, il pelagico, quello degli stagni e dei laghi, quello dei fiumi.
  • BIOTOPO unità ambientale omogenea di varia dimensione, specificamente individuata.
  • BRACHIAZIONE indica il modo di spostamento, caratteristico delle scimmie antropomorfe e delle proscimmie, che utilizza principalmente gli arti superiori. Questo movimento diventa una precisa strategia di difesa in quanto consente la ricerca del cibo senza scendere al suolo.

 

C

  • CATENA ALIMENTARE successione di organismi viventi legati tra loro da rapporti alimentari, nel senso che ciascuno si nutre del precedente ed è predato dal susseguente.
  • CATTIVITA' condizione degli animali non domestici che vivono in gabbie o in luoghi delimitati, accuditi dall’uomo.
  • CHERATINA proteina corporea dura e resistente costituente molte strutture, come la pelle, le unghie, gli zoccoli, gli artigli e le corna.
  • CITES Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora (Accordo sul commercio internazionale di specie della fauna e della flora in pericolo).
  • CO2 (anidride carbonica o biossido di carbonio) è un gas inerte, inodore ed incolore, naturalmente presente in atmosfera in concentrazioni limitate. La CO2 è parte dei cicli biogeochimici naturali, quale il risultato della ossidazione delle molecole organiche, le molecole della vita, definite “carboniose” proprio perché strutturate intorno all’atomo di carbonio. Una volta generata, la CO2 permane per lungo tempo nell’atmosfera contribuendo all’effetto serra naturale. Infatti, in condizioni naturali l'effetto serra è il fenomeno di termoregolazione naturale della Terra, che permette condizioni termiche idonee alla nascita ed al mantenimento della vita terrestre. Una sorta di "maglione naturale", che grazie ad un complesso bilancio termico mantiene una temperatura più omogenea e costante su tutta la crosta terrestre, che però può aumentare in ragione dei gas ad effetto serra e portare ad un riscaldamento non naturale del clima terrestre.
  • COLONIA un gruppo di animali che vivono insieme e spesso condividono i compiti necessari per la sopravvivenza, come cercare il cibo e difendersi da eventuali nemici.
  • COMPOSTABILE significa che il materiale in questione non solo è biodegradabile, e quindi si decompone in composti più semplici non inquinanti, ma è anche disintegrabile (cioè si distrugge totalmente) in meno di 3 mesi. Si trasforma in compost, ossia, in un concime naturale.
  • CRIPTICO atto a nascondere. Ad es. colorazione criptica, quella mimetica di un animale.

 

D

  • DIGITIGRADO mammifero che cammina appoggiando al suolo solo le dita e non l’intera pianta del piede. Solitamente sono animali veloci e silenziosi, per esempio i Felidi o i Canidi.
  • DIMORFISMO SESSUALE fenomeno per cui in una data specie un sesso presenta caratteri esteriori più o meno diversi da quelli dell’altro, sia dal punto di vista somatico che comportamentale.
  • DIORAMA ricostruzione in scala ridotta di un ambiente o di un paesaggio, anche con l’ausilio di artifici tecnici.

 

E

  • ECOLOGIA parte della biologia che studia i rapporti fra gli organismi viventi e il loro ambiente, nonché le conseguenze di questi rapporti soprattutto per limitarne o eliminarne gli effetti negativi.
  • ECOSISTEMA l’insieme degli organismi viventi, dell’ambiente e delle condizioni fisiche e chimiche presenti e interagenti in un determinato spazio.
  • ENDEMICO specie tipica ed esclusiva di un determinato territorio.
  • ETOLOGIA scienza che studia il comportamento e le abitudini degli animali, soprattutto nelle loro relazioni reciproche e nell’adattamento.

 

 

G

  • GAS SERRA detti anche gas climalteranti (GHG - GreenHouse Gases) sono i responsabili dell'aumento dell'effetto serra naturale, sono numerosi e vanno oltre la sola CO2.nello specifico questi gas sono:
    - la CO2, appunto, prodotta dall'impiego dei combustibili fossili in tutte le attività energetiche e industriali oltre che nei trasporti;
    - il CH4 (metano), prodotto dalle discariche dei rifiuti, dagli allevamenti zootecnici e dalle coltivazioni di riso;
    - l'N2(protossido di azoto), prodotto nel settore agricolo e nelle industrie chimiche;
    - gli HFC (idrofluorocarburi), impiegati nelle industrie chimiche e manifatturiere;
    - i PFC (perfluorocarburi), impiegati nelle industrie chimiche e manifatturiere;
    - l'SF6 (esafluoruro di zolfo), impiegato nelle industrie chimiche e manifatturiere.

  • GREGARIO organismo che per ragioni diverse tende ad aggregarsi ad individui della sua specie almeno in un periodo della propria vita formando branchi, stormi, sciami, ecc…

H

  • HABITAT insieme dei fattori fisici e chimici tipici dell’area e del tipo di ambiente in cui vive una determinata specie animale o vegetale.

 

I

  • IMPRONTA ECOLOGICA sistema di misurazione del nostro impatto sugli ecosistemi del Pianeta. La dimensione delle nostre abitazioni, i rifiuti che produciamo, l'energia che impieghiamo per gli spostamenti e i nostri consumi sono alcuni degli elementi che determinano il peso della nostra impronta sul Pianeta.
  • IN-SITU/EX-SITU si dice di progetti di conservazione: un progetto "in-situ" si occupa delle specie in questione seguendole direttamente nel loro paese d'origine, mentre un progetto "ex-situ" si occupa delle specie al di fuori del loro paese d'origine attraverso la riproduzione in cattività al fine di mantenere alto il livello genetico e di aumentarne la sensibilizzazione tra il pubblico.

 

M

  • MANGIME PELLETTATO mangime specifico compresso (da "pellet" in inglese "pallottola").
  • MENAGERIE luogo in cui vengono raccolti animali rari o esotici per esposizione; collezione di animali che nell’Ottocento venivano esposti di fiera in fiera.
  • MIMETISMO fenomeno per cui alcuni organismi hanno la capacità, per ottenere un vantaggio, di assumere l'aspetto di un oggetto definito o di uniformarsi all'ambiente circostante.
  • MONOGAMIA fenomeno per cui un organismo si accoppia o tende ad accoppiarsi con un solo individuo del sesso opposto nel corso di una stagione riproduttiva o della sua vita (in contrapposizione a poligamia).

 

O

  • OVIPARO animale che si riproduce deponendo uova dove avviene lo sviluppo del futuro nato (quindi al di fuori del corpo materno).
  • OVOVIVIPARO animale che si riproduce per mezzo di uova che si schiudono nel corpo della madre, anziché all’esterno (es. vipere e squali).

 

P

  • PERISSODATTILO mammifero munito di zoccoli (ungulato) con un numero dispari di dita su tutti i piedi, come gli Equidi, i Tapiridi e i Rinocerontidi.
  • PLANTIGRADO mammifero che, come gli Ursidi e i Primati, cammina appoggiando a terra l’intera pianta del piede.

 

R

  • RISCALDAMENTO GLOBALE esiste! Ed è primariamente collegato alle emissioni umane di gas ad effetto serra, le quali sono a loro volta connesse ai consumi umani di energia (di origine fossile). L’uomo ha infatti man mano accresciuto l’uso di combustibili fossili (petrolio, gas naturale, carbone) a scopo combustivo: in questo modo è andato ad estrarre (“decompartimentare”) il carbonio che era contenuto nel sottosuolo nelle molecole organiche di questi combustibili, bruciandole e reimmettendo così il carbonio in atmosfera in forma ossidata (la CO2, appunto).

S

  • SIMBIOSI associazione durevole tra due individui o due specie diverse in cui entrambi ottengono un vantaggio.
  • SOSTENIBILITÀ sviluppo economico, sociale ed ambientale che permette il benessere degli attuali abitanti del pianeta senza compromettere quello delle future generazioni.
  • SPECIE insieme di individui con gli stessi caratteri biologici e morfologici, che possono accoppiarsi e danno una discendenza feconda.
  • STANZIALE animale che rimane in un dato territorio nel corso di tutto l'anno (in contrapposizione a migratore).

 

T

  • TASSONOMIA metodo e sistema di descrizione e classificazione degli esseri viventi.
  • TRAINING è un allenamento a scopo sanitario in cui si insegna agli animali a compiere determinate azioni, come salire sulla bilancia per essere pesati, aprire la bocca per un controllo, porgere la zampa per una limatura dello zoccolo e per un prelievo di sangue, il tutto in cambio di adeguate ricompense come cibo, giochi o piacevoli spazzolature e senza stress per l’animale.

 

U

  • UNGULATO mammifero erbivoro le cui falangi o la cui unica falange è rivestita da uno zoccolo anziché da unghie, come per esempio il cavallo, il bue e la pecora.

 

V

  • VIVIPARO animale che si riproduce sviluppando il cucciolo all’interno del corpo materno che lo darà alla luce già formato.